COSTA EST, IN ITALIANO, MOTOSLITTA, PRIMAVERA 2017

da 1650 + volo

Tour di gruppo (Tipolgia motoslitta, avventura, italiano)
Durata: 4 notti, 5 giorni

INTRODUZIONE:

Spedizione in motoslitta di tre giorni, che prevede due notti in guesthouse a Longyearbyen e due notti in tenda riscaldata (o in baita). E' un programma abbastanza impegnativo, ed e' quello che offre maggiori probabilità di avvistamento dell'orso polare.
Alla scoperta di: Svalbard, Longyearbyen, Dunerbukta, Mohnbukta

DATE DI PARTENZA PREVISTE:

Da marzo a maggio, partenze tutti i giorni se min 4 persone

Partenze confermate in gruppo 2017:
6 Marzo
16 Marzo
27 Marzo
17 Aprile




QUANTO COSTA?

Quote individuali, 2 per motoslitta 1.650 €
Supplemento per motoslitta SINGOLA 300 €
Supplemento camera SINGOLA a Longyearbyen 120 €


Non incluso:
Il volo (da 600 € in su, contattateci per la quotazione)
Pasti a Longyeryen
Iscrizione e coperture assicurative (circa 100 €)

Quote valide se min 4 persone, oppure su date partenza gruppo.
**Quotazione approssimativa sempre da riconfermare

RICHIESTA INFO

COSA INCLUDE IL VIAGGIO?

IL PACCHETTO PROPROSTO INCLUDE:
2 notti in appartamento o guesthouse a Longyearbyen (in camera doppia senza servizi privati e con uso cucina), 3gg-2notti di spedizione in motoslitta(2 notti in tenda multipla riscaldata oppure in baita), briefing iniziale e istruzioni alla spedizione, motoslitta, benzina e olio, indumenti da motoslitta, assicurazione recupero di emergenza, pensione completa durante la spedizione, Guida esperta in italiano, pernottamenti come descritti da programma, equipaggiamento di soccorso e sicurezza, equipaggiamento da campo.

IL PACCHETTO PROPROSTO NON INCLUDE
passaggio aereo, assicurazioni e coperture assicurative (vedi box prezzi), pasti e cene a Longyearbyen, sacco a pelo (possibilità di noleggio in loco), bibite, extra personali.


Informazioni generali ed equipaggiamento per spedizioni in motoslitta
(febbraio-maggio)


I partecipanti devono avere con se' la patente di guida o per motocicli per guidare la motoslitta.
Per motivi di sicurezza ci riserviamo il diritto di modificare l'itinerario a seconda delle condizioni atmosferiche e di innevamento. Eventuali cambiamenti durante il percorso non apportano modifiche al prezzo iniziale del tour.

I partecipanti si impegnano a seguire le istruzioni e le avvertenze della Guida. Si esige dal partecipante stabilità psichica e fisica, adattabilità, collaborazione, disciplina, sobrietà, il minimo indispensabile di oggetti personali, di avere informato l'organizzatore riguardo al proprio passato medico (operazioni chirurgiche, fratture, malattie, allergie, cattiva circolazione sanguigna, infortuni etc).
Questi tour richiedono collaborazioni anche tra i partecipanti. Lo scopo e' di far sentire a proprio agio il singolo partecipante e di creare una corretta atmosfera di gruppo nonostante le rigide condizioni ambientali.

I mesi invernali e primaverili possono essere soggetti a forti e lunghe tempeste con cattivo tempo. White out, bufere di neve e forti venti possono esserci ogni giorno. Alte temperature (-5 C) possono scendere sotto i -25 C in brve tempo. Si possono avere anche giornate limpide e tranquille, con assenza di vento e clima secco, generalmente molto fredde. E' quindi assolutamente indispensabile che tutti i partecipanti abbiano una rigorosa disciplina con se' stessi e con gli altri. I partecipanti dovranno ”ascoltare” se' stessi e il proprio corpo in maniera costruttiva e razionale. Far sentire il partecipante a proprio agio in condizioni climatiche severe e' uno scopo dell' organizzatore, ma e' un processo che il singolo individuo deve attivare da se'. Con la partecipazione ai tours il cliente accetta eventuali cambiamenti di itinerario e di programma causa maltempo, rischi e pericoli. Si ritiene necessario che il partecipante consideri l'uso del motore esclusivamente come mezzo di trasporto da A a B, con particolari attenzioni all' ambiente, agli animali e all' inquinamento. Durante le tappe si hanno diverse pause e la velocità di guida viene regolata in base alle condizioni ambientali e alle capacità dei partecipanti stessi. La Guida non porta passeggeri. Il numero minimo di partecipanti e' di 4 persone.

Equipaggiamento personale necessario:
2 paia di calze sottili di lana, 2 paia di calze pesanti di lana, indumenti intimi di lana (calzamaglia e maglia), pantaloni di lana o simili purché caldi e termici, maglione pesante di lana, sciarpa o copricollo, capello di lana, 2 paia di guanti di lana, giacca e pantavento (gor-tex o cotone), 1 piccolo zaino per gli oggetti personali, sacco a pelo personale (possibilità di noleggio in loco).

Partecipanti che non hanno l'equipaggiamento necessario: gli indumenti nonché l'equipaggiamento personale mancante o ritenuto insufficientemente adeguato alle condizioni climatiche locali (tenendo conto dei rischi di congelamento e di sicurezza in generale) deve essere acquistato o cambiato prima della partenza del tour. I partecipanti possono acquistare il necessario a Longyearbyen oppure possono noleggiarlo presso l' organizzatore. Il prezzo di noleggio per unita' e' di Nok 40,- al giorno.

I partecipanti ricevono il seguente abbigliamento: scarpe termiche da motoslitta, tuta termica, occhiali da motoslita, passamontagna, casco, cappello e guantoni da motoslitta.

Equipaggiamento di soccorso e sicurezza fornito dall' organizzatore: emettitore satellitare di SOS, revolver/fucile, telefono satellitare/radio VHF, pronto soccorso, razzi segnalatori, GPS, carte e bussola, allarme anti-orso, attrezzatura da ghiacciaio. tenda, sacco a pelo, materassino, fornellino con combustibile, attrezzatura per riparazioni, pezzi di ricambio, badili da neve, thermos osv.

Incluso nel prezzo: istruzioni, motoslitta, benzina e olio, indumenti da motoslitta, assicurazione recupero di emergenza, pensione completa, esperta Guida con motoslitta, pernottamenti come descritti da programma.
Non inclusi nel prezzo: viaggio aereo, pasti e cene a Longyearbyen, bibite, acqua minerale e assicurazione personale.

Per motivi di sicurezza tutti i tour devono avere un minimo numero di motoslitte: 4 - 5 pers.- min. 3 motoslitte, 6 - 7 pers. - min. 4 motoslitte etc

SISTEMAZIONI PREVISTE:


HAUGEN PENSJONAT
Pb 648 (9171) Longyearbyen (Svalbard)
HAUGEN PENSJONAT, Longyearbyen (Svalbard)Haugen Pensjonat Svalbard è una piccola pensione situata sull'Haugen (la collina) di Longyearbyen, il capoluogo amministrativo delle isole Svalbard. Haugen dista circa 10 minuti a piedi dal centro della città dove si trovano la maggior parte ristoranti, negozi, pub, ufficio postale, banca, ospedale e altre strutture utili. Longyearbyen è una cittanina veramente piccolina, tutto è veramente vicino!!
La fermata del bus navetta con l'aeroporto dista cira 75 mt dall'albergo.

Nel periodo in cui Longyearbyen era una "Company Town", Haugen era la zona della città dove si trovava l'amministrazione della società mineraria. l'Haugen Pensjonat infatti è stato originariamente utilizzato come sede degli uffici, e nella stessa zona tutti gli edifici sono stati riadattati nell'uso e nella funzione; oggi Haugen è una zona protetta per il suo patrimonio culturale.

Il Pensjonat Haugen dispone di una decina di camere su due piani.
Ogni camera è di 15 metri quadrati e dispone di un letto matrimoniale e di un divano che può essere trasformato in letto supplementare. Tutte le camere hanno finestre e sono identiche. Ogni due camere condividono un bagno e vi è un WC separato su ogni piano.
Al primo piano c'è una grande cucina e ogni camera è dotata di frigorifero e di una credenza.

L'edificio dispone di connessione internet wireless e un servizio lavanderia.

Sul lato opposto della strada si trova il "Svalbardhallen" dove c'è una piscina full size e una palestra ben attrezzata.

ITINERARIO DETTAGLIATO:

Un circuito in motoslitta di tre giorni che passa soprattutto per ghiacciai e mare ghiacciato nella zona più mozzafiato dell' Isola di Spitsbergen. L' obiettivo di questo tour è quello di vivere nella natura artica affrontandone le difficoltà. Si prevedono due pernottamenti artici, in tendone riscaldato (oppure in baita) in località diverse godendo la quiete solitaria dello Storfjorden: un' esperienza davvero eccezionale. E' necessario che i partecipanti siano abituati a dormire in tenda e abbiano già fatto esperienza di tours invernali. In condizioni di tempo sfavorevole e con freddo rigido, smontare e montare il campo può diventare difficoltoso. Il percorso da e per la costa est che attraversa la Terra di Sabineland superando vallate, ghiacciai e mare ghiacciato, viene scelto in base alle condizioni metereologiche, nivologiche e della banchisa. Ogni sera c' è la possibilità di far asciugare i propri vestiti e scarpe all'interno della tenda. Durante il percorso si incontrano baite e tracce dell' attività di caccia. Questa è l'escursione in motoslitta più singolare e impegnativa dal punto di vista delle condizioni artiche e offre le maggiori possibilità di incontrare l' orso bianco.


1° giorno: in aereoSvalbard
Arrivo in volo a Longyerabyen, trasferimento libero (AirportBus 65 Nok, oppure in taxi 160/200 Nok in base all'orario) presso la guesthouse-appartamento, sistemazione e pernottamento.

2° giorno: Longyearbyen- Dunerbukta, 100 Km
Trasporto dal luogo di pernottamento a Longyearbyen alla base operativa della spedizione. Informazioni sul viaggio, consegna dell' abbigliamento e istruzioni per la guida della motoslitta. Ultimi preparativi dei bagagli sulle slitte. Si parte non appena si è pronti e ci si avvia in direzione est attraversando la Adventdalen e la Sassendalen, raggiungendo poi la grande morena inferiore del ghiacciaio di Rabotbreen affascinante per il suo paesaggio lunare. Durante il percorso si pranza con un piatto caldo e si prosegue attraversando un ghiacciaio e raggiungendo poi la baia di Dunerbukta sulla costa est, superando anche il ghiacciaio di Ulvebreen. Poco prima di raggiungere la banchisa ci si ferma e si monta il campo circondato dall' allarme anti-orso. Cena e pernottamento in tenda.

3° giorno: Dunerbukta- Mohnbukta, 50 Km
Dopo colazione si smonta il campo, si caricano le motoslitte e ci si dirige verso la banchisa, sostando presso il fronte del ghiacciaio di Ulvebreen. In seguito si incontra una baita sulla parte sud-est della baia. Si continua lungo la costa in direzione nord e si sosta più tardi presso i grandi icebergs bloccati nella banchisa. A seconda delle condizioni del ghiaccio si variano gli spostamenti lungo la costa nella speranza di incontrare l'orso bianco del quale si incontrano facilmente le tracce. Un po' di fortuna e di pazienza fanno aumentare le possibilità di incontrarlo o addirittura di incontrare l'orsa con i piccoli. Durante il percorso si pranza con un piatto caldo. C' è tutto il tempo per esplorare la banchisa, osservandone le forme, i colori e i segreti. Nel pomeriggio ci si avvicina alla baia di Mohnbukta. Sembra strano, ma il paesaggio che ci circonda cambia notevolmente man mano che ci si sposta diventando sempre più Artico. Si cerca un posto adatto a montare il campo con l' allarme anti-orso. Cena utilizzando i fornellini e pernottamento in tenda.

4° giorno: Mohnbukta-Longyearbyen, 110 Km
Colazione e preparazione delle motoslitte. Si passa nei pressi di una baita molto piccola che veniva usata anticamente come stazione secondaria per i cacciatori. Si continua sulla banchisa in direzione nord e avvicinandosi - condizioni nivologiche permettendo- al grande fronte del ghiacciaio di Negribreen , il più grande della costa orientale della Spitsbergen. Pranzo caldo lungo il percorso. Nel primo pomeriggio si sale sul ghiacciaio di Hayesbreen, lasciandosi alle spalle quel senso di pace unico della costa orientale. Si inizia l'attraversamento dei grandi ghiacciai di Sabineland e, superata la cima del ghiacciaio di Hayesbreen, ecco che tutto intorno si vede solo ghiaccio fino alle cime più alte delle montagne. Scendendo per il ghiacciaio di Von Postbreen si scorge il Tempelfjorden. Il paesaggio si trasforma enormemente e la conformazione delle montagne attorno al fiordo è unica: pareti ripide con migliaia di fulmari che nidificano, stretti canyons, strati sedimentari che raccontano la lunga storia delle Svalbard. Prima di continuare il percorso sulla banchisa del Tempelfjorden si fa una sosta allo stupendo fronte del ghiacciaio di Tunabreen: un'enorme, indescrivibile parete di ghiaccio azzurro. Più avanti si incontra Fredheim, l' antica stazione di caccia di Hilmar Nøis. L'ultimo tratto verso Longyearbyen attraversa vallate e piccoli ghiacciai dell' entroterra. Arrivati in città si scaricano le slitte, si riconsegna l' abbigliamento da motoslitta e si viene accompagnati al luogo di pernottamento.

5° giorno: Svalbard
Trasferimento libero in aeroporto.

RICHIESTA INFO

A tutela del consumatore e dei naviganti di http://www.svalbard.it I programmi esposti nel sito, a meno di differente segnalazione, sono a cura di Quattro Viaggi di 4Winds srl L.go Vercelli 8, 00182 RM (p.iva 04696691007) (Licenza 2405/85, Regione Lazio). Norme sul trattamento dei dati personali e cookyes